Cioccolato bianco e Taneda

Prima di tutto, per chi non lo sapesse come me, visto che anche io l’ho scoperta da poco, che cosa è la Taneda..?!? La Taneda, o Erba Iva, è una pianta perenne che cresce sulle alpi, in particolare in Svizzera, Austria e Italia, ad una quota che va dai 1400 fin oltre i 3000mt . In Valtellina la Taneda cresce spontanea sopra i 1800mt e dopo la raccolta viene essiccata naturalmente al sole. Resiste a temperature inferiori a -23°C e la sua fioritura avviene tra Giugno e Settembre.

 
Erba Iva
 

Ha un sapore marcatamente amaro, ed è, infatti, usata soprattutto per la preparazione dell’omonimo liquore digestivo, particolarmente indicato come dopo pasto visto che i pranzi, e le cene, nelle nostre Valli sono oggi, fortunatamente, molto ricchi ed abbondanti.

Dopo un bell’affettato di Brisaola - quella vera però, non quella pre-affettata, in atmosfera modificata, in comoda (?!?) vaschetta, per carità! - un piatto di Pizzoccheri e quattro, cinque chili di Costine alla Piota, il minimo che il nostro stomaco si aspetta a quel punto è un sorso di amaro o di digestivo. Quale miglior scelta allora, se non un liquore delle nostre Valli, viste le portate?

 
_DSC4763.jpg
 

Io però non sono tanto brava a fare liquori e amari, e quindi ho pensato di usare la Taneda in un altro modo, in modo (scusa il gioco di parole) di non relegarla più solo a protagonista di digestivi e tisane. Quindi ho messo a punto la ricetta di una crema inglese, ovvero una salsa dolce a base di uova, panna, latte e zucchero, densa e ricca, aromatizzata all’Erba Iva, con l’aggiunta di cioccolato bianco per bilanciare il tono amaro dell’ingrediente principale. Il risultato è davvero ben riuscito, e bilanciato - e non lo dico solo perché l’ho fatta io - ma perché dopo (TANTE) prove, sono finalmente riuscita a trovare il giusto equilibrio tra il bene e il male, la luce e il buio, ehm, cioé intendevo dire, tra il dolce e l’amaro, la Taneda e il cioccolato bianco.

E qui, simbolicamente, avviene il passaggio del testimone tra le possibilità che questa salsa ti offre e la tua fantasia e creatività: è la parte divertente del lavoro, chiudere gli occhi e immaginare abbinamenti, degustazioni, brividi da palato sovra eccitato!
Ehm, ok, forse sto divagando un po’, ma appena la assaggerai sono convinta che sorriderai pensando a come servirla ai tuoi amici, ai tuoi ospiti, ai tuoi clienti: insieme ad una soffice torta di mele? Oppure leggermente scaldata su di un sontuoso gelato al cioccolato? Oppure a cucchiaiate, così, servita in coppa con accanto un cestino di frutti di bosco in cui intingerli, tipo fonduta dolce..?

Vedi che basta poco per far illuminare le lucine delle idee..? Basta solo chiudere gli occhi e lasciarsi andare.. Il cibo è davvero magia a volte..

 
 
Firma_Angel_Food.jpg