Celiachia in Asia e Africa

Celiachia in Asia e Africa

La celiachia esiste sia in Africa che in Asia, sebbene la prevalenza e la consapevolezza della malattia possano variare notevolmente tra le diverse regioni e paesi di questi continenti. La celiachia è una malattia autoimmune che può colpire individui geneticamente predisposti in qualsiasi parte del mondo, indipendentemente dalla razza o dall’etnia. Tuttavia, ci sono diversi fattori che influenzano la percezione e il riconoscimento della celiachia in Africa e in Asia:

Fattori Genetici

La predisposizione genetica alla celiachia è legata principalmente alla presenza degli alleli HLA-DQ2 e HLA-DQ8. Sebbene queste varianti genetiche siano più comuni in alcune popolazioni europee, sono presenti anche in diverse popolazioni di altre parti del mondo, compresi alcuni gruppi in Africa e Asia. Questo significa che anche in queste regioni esiste una base genetica per lo sviluppo della celiachia.

Dieta e Stili di Vita

Le differenze nella dieta tra le varie culture possono influenzare la prevalenza della celiachia. Tradizionalmente, molte culture asiatiche e africane si affidano meno al grano e più ad altri cereali come il riso, il mais o il sorgo, che non contengono glutine. Tuttavia, con la globalizzazione e l’adozione di diete occidentalizzate, il consumo di alimenti contenenti glutine è in aumento in queste regioni, potenzialmente portando a un aumento dei casi di celiachia.

Consapevolezza e Diagnosi

In molte parti dell’Africa e dell’Asia, la consapevolezza della celiachia è ancora limitata, sia tra il pubblico sia tra i professionisti della salute. Questo può portare a una sottostima significativa dei casi di celiachia, con molti individui che non vengono diagnosticati o che ricevono una diagnosi tardiva. La mancanza di conoscenza e di risorse per la diagnosi e il trattamento della celiachia può impedire l’identificazione dei casi in queste regioni.

Studi e Ricerca

Ci sono stati meno studi sulla prevalenza della celiachia in Africa e in Asia rispetto all’Europa e al Nord America. Tuttavia, gli studi disponibili indicano che la celiachia esiste in queste regioni, anche se potrebbe essere meno comune o meno riconosciuta. La ricerca continua è fondamentale per comprendere meglio la distribuzione globale della celiachia e le sue manifestazioni in diverse popolazioni.

Conclusione

In conclusione, la celiachia è una condizione globale che non conosce confini geografici. Sebbene la prevalenza possa variare, è importante aumentare la consapevolezza e migliorare le capacità diagnostiche in tutto il mondo, inclusi i paesi africani e asiatici, per garantire che le persone affette da celiachia possano essere correttamente diagnosticate e trattate.
Torna al blog